Tag Archive | crisi

effetti della crisi declinati alla Ungaretti

TERZINE MANAGERIALI [e cittadine] #291

24 gennaio 2012 

stiamo come d’inverno sugli occhi le lacrime del freddo

stiamo come in primavera le rondini dubbiose sul chi va là

stiamo come d’estate gli obesi sudati e timidi sotto il sole

lettere d’auguri

TERZINE MANAGERIALI [e cittadine] #276

22 dicembre 2011

peruviani in motorino scarrozzano ansimanti auguri multicolori imbustati in serie

fra frettolosi manager inseguiti da affannate segretarie recanti liste di nomi,

questo sì, questo no, questo l’hanno appena licenziato, e quindi no

parlar lento

TERZINE MANAGERIALI [e cittadine] #274

20 dicembre 2011

ma chi te lo ha fatto fare, professore calvinista e gesuita, di non dormirci sopra

di spiegare che per spiegare davvero talvolta occorre un di più della battuta ilare

e che anche il ritmo della parola talvolta è meglio s’accordi al pensare, il normale pensare

iconoclastia

TERZINE MANAGERIALI [e cittadine] #243

31 maggio

quando i cinesi invasero definitivamente i mercati

alcuni operai e impiegati e dirigenti e uomini di buona volontà

dettero fuoco alle brochure istituzionali per scaldarsi, d’inverno.

evviva il diluvio

TERZINE MANAGERIALI [e cittadine] #241

29 maggio

finalmente la partita si sta facendo dura anche per i notai

distribuiscono biglietti da visita e sorrisi e promesse

finalmente è troppo tardi, perfino per i figli idioti di papà

responsabilità manageriale

TERZINE MANAGERIALI [e cittadine] #238

26 maggio

il cessato allarme per i nostri conti non deve portare alcun sollievo

anzi a dirla tutta dovrebbe produrre un supplemento di disperazione

giacché non abbiamo più né crisi né vulcani con cui nasconderci

il segreto dell’organizzazione duratura

TERZINE MANAGERIALI [e cittadine] #214

02 maggio

la sfangheremo anche stavolta, tranquilli, il rischio c’è ma manteniamo la calma,

le tanto strombazzate minacce alla nostra sopravvivenza sono in gran parte esagerazioni;

siamo troppo marci perché qualcuno ci voglia mangiare, facciamo troppo schifo