Tag Archive | autostima

autostima pericolante #7

TERZINE MANAGERIALI [e cittadine] #256

13  giugno

di quando in quando mi guardo allo specchio con più attenzione

e pur non notando grandi differenze fra il me adolescente  e l’odierno

proprio per questo dubito pure della mia vista, e l’autostima, definitivamente, si atrofizza

autostima pericolante #6

TERZINE MANAGERIALI [e cittadine] #255

12  giugno

ti volevo parlare a lungo della mia infanzia felice, dell’adolescenza problematica,

della giovinezza disperata, dell’inutile intermezzo adulto e dell’amara maturità;

ma poi tu ti sei addormentata, russando leggermente, e questo non aiuta l’autostima

autostima pericolante #5

TERZINE MANAGERIALI [e cittadine] #254

11  giugno

talvolta il ricordo indugia in episodi favorevoli, successi prematuri, giornate di sole

poi inevitabilmente incappa in sberle, gaffes imbarazzanti e disfatte definitive

e io mi chiedo perché il ricordo non si faccia i cazzi suoi e non tenga conto dell’autostima

autostima pericolante #4

TERZINE MANAGERIALI [e cittadine] #253

10  giugno

la bionda mi guarda, autostima alta, smette, autostima bassa

mi chiede di accendere, autostima alta, non mi ridà l’accendino, autostima bassa,

dice “scusami”  e me lo porge, autostima alta, arriva il fidanzato, autostima morta

autostima pericolante #3

TERZINE MANAGERIALI [e cittadine] #252

09  giugno

io, ecco, che adesso mi faccio la barba e poi la doccia e poi  mi vesto

e poi rimiro allo specchio l’impeccabile vestito blu e provo sorrisi d’ordinanza

e poi bevo il caffè e sbrodolo la cravatta nuova, l’autostima l’abolirei

autostima pericolante #2

TERZINE MANAGERIALI [e cittadine] #251

08 giugno

che quando nell’unica domenica in cui non lavori

se non nel rimuginìo interiore di mille progetti in ritardo e lamentele varie dei colleghi

ti si rompe la lavatrice allagando casa, l’autostima collassa

autostima pericolante #1

TERZINE MANAGERIALI [e cittadine] #250

07 giugno

che quando alle quattro dl mattino suona la sveglia per una sera di più a casa

e non solo i figli, lungi dall’essere in piedi plaudenti, si lamentano per il rumore molesto

ma sbatti pure la testa sullo stipite – causa del suddetto rumore – allora l’autostima annaspa