Tag Archive | alberto fedel

L’era dello squalo bianco [free e-book]

A grande richiesta, d’accordo con l’editore ovviamente, pubblico qui la versione pdf de

“l’era dello squalo bianco – Responsabilità, coraggio e leadership in un mondo complesso”

scaricatelo, distribuitelo, usatelo (a patto di citare l’autore ovviamente).

Insomma da questo momento è in creative commons.

ciao!

Alberto

INTRODUZIONE

CAPITOLO 1

CAPITOLO 2

CAPITOLO 3

CAPITOLO 4

Annunci

SUCCESSO E’…#13

la grande linea di demarcazione tra Successo e Fallimento riassunta in 5 parole

IO –  NON  – HO – AVUTO – TEMPO.

Il Successo fugge subito via

successo è PARTICIPIO PASSATO.

E quindi – per definizione – ci parla di una roba che non c’è già più (c’era un minuto fa, ieri, l’anno scorso).

Quindi non solo il successo ARRIVA, ma poi se ne va anche subito via.

Insomma: tu fai qualcosa, qualche volta con un qualche rapporto con quel Successo che forse arriverà (hai studiato canto perché ti appassionava, ti hanno sentito e fai il tenore alla scala)  ma tante altre volte per motivi non così chiaramente spiegabili e apparentemente senza uno scopo definito, camminando senza meta; poi un  giorno, con l’intervento più o meno preminente del caso,  incontrerai  quei riconoscimenti immateriali ( applausi, ammirazione, emulazione, notorietà e, come detto, talvolta invidia) e materiali (ruoli formali, potere, soldi) che ti segnaleranno l’arrivo del Successo. Incontrerai la gioia e la soddisfazione e talvolta l’orgoglio conseguenti.

Benissimo. Festeggia. Apri una bella bottiglia. Bevitela tutta. Ma poi basta.

Perché – essendo Successo participio passato – e derivando da ciò che ormai è già dietro le tue spalle, sarà opportuno dimenticarlo il prima possibile.

Perché il Successo – quel particolare Successo –  inizia a finire, talvolta è già finito, appena si realizza.

Alberto

IL SUCCESSO E’….#9

è durante i fallimenti che scopriamo la nostra vera sete di successo.

Kevin Ngo

 

 

SUCCESSO E’…#8 [fissiamo qualche punto]

  • al successo non si arriva;
  • è il successo che – forse – arriva, che può arrivare, dopo aver raggiunto qualcos’altro.

Quindi se ottengo l’obiettivo di seguire una dieta, di chiamare tutti i numeri dell’elenco, di tirare a canestro per venti ore al giorno allora – dopo, forse – arriverà il successo.

Il successo non è un obiettivo ma una conseguenza del raggiungimento di un obiettivo.

Il  Successo può essere un’aspirazione, una visione, un desiderio, un sogno che comunque si può realizzare solo DOPO aver conseguito – il Successo consegue, arriva dopo aver raggiunto – un obiettivo in qualche misura correlato.

tutto chiaro?

Alberto

SALES ACADEMY 24

da mercoledì siamo in edicola insieme al Sole 24 Ore  per 15 settimane con SALES ACADEMY 24.
Si tratta del corso completo sulle tecniche di vendita per manager e professionisti del commerciale ideato e prodotto da noi consulenti di Newton (nostre videolezioni e sit-com satiriche Zzzoot in DVD e book, è prevista anche la commercializzazione della App di prodotto su tablet per i lettori del Sole 24Ore .
il claim è:
Con i docenti e gli esperti di Newton 24, scopri come acquisire e diffondere nuovi atteggiamenti indispensabili per la ricerca di nuovi clienti e per lo sviluppo del business con i clienti attuali. Le 15 uscite contengono lezioni, testimonianze e, per non continuare a “farsi del male”, le sit-com satiriche di Zzzoot, l’azienda dove tutto è sempre possibile… ma non adesso. 
Mi piacerebbe sapere che ne pensate.
Alberto

il successo è…. #7

C’è una bellissima canzone interpretata da Lucio Battisti, una delle poche in cui la musica non sia stata scritta da lui, mentre le parole sono comunque di Mogol (l’ha anche rifatta Vasco Rossi pochi anni fa):

Mi sono alzato, mi son vestito, e sono uscito solo, solo per la strada…

ho camminato a lungo senza meta, finché ho sentito cantare in un bar,

finché ho sentito cantare in un bar

…canzoni e fumo ed allegria, io ti ringrazio sconosciuta compagnia,

eppure ieri morivo di dolore ed oggi canta di nuovo il mio cuor (eeh eeh),

oggi canta di nuovo il mio cuor…

Felicit –a –a , ti ho perso ieri ed oggi ti ritrovo già…

 

Zacchete!…Hai ritrovato la felicità.

Che bello.

Ma – prima – ti sei dovuto alzare, vestire e uscire solo – solo – per la strada.

Perché sei uscito? Perché il tuo obiettivo era trovare un sconosciuta compagnia che ti facesse ritrovare cantando la felicità?

No.

Perché avendo perso la felicità appena ieri ti deprimevi a stare da solo in casa.

Qual era il tuo obiettivo SMART?  Distrarti, consumare calorie e tossine e malinconia nel camminare a lungo senza meta.

E questo sarebbe l’obiettivo SMART?

Proprio così:

  • Specifico ( esco e cammino per la città, questa precisa città, fino a che non sarò talmente stanco da riuscire a dormire nonostante l’infelicità)
  • Misurabile (in chilometri, in ore, in vesciche ai piedi)
  • Attraente (nel senso, in questo caso, che piuttosto di rimanere in casa a macerarmi trovo più attraente uscire)
  • Raggiungibile (be’: alzarsi, vestirsi e camminare costituiscono senz’altro uno sforzo notevole – specie se si è depressi – ma è comunque alla nostra portata)
  • Tempificato (esco adesso, stasera: non “prima o poi lo faccio”, non “prima o poi accadrà che mi alzi”).

Ritrovare la felicità viene dopo.

Dopo lo sforzo  di alzarsi, vestirsi e uscire solo – da soli – per la strada con l’obiettivo di distrarsi un po’. Dopo aver conseguito l’obiettivo di uscire di casa per distrarsi.

[…segue…]

Alberto